Equitazione, podio sfiorato da Luca Marziani

AGR

Agenzia di Stampa


AGR Video on Line
X Municipio, IEVA: Cartellonistica informativa per spiagge Plastic Free
Ostia, la sicurezza sulla Roma-Lido affidata alla video-sorveglianza
Il Tour di 'Non Fare della Tua Vita un Gioco' fa tappa in Ancona
X Municipio, in funzione il Tritovagliatore
Ostia, torna a splendere la Rotonda
Panda Raid 2019, dopo 11 anni per la prima volta un Team Italiano sul Podio
Panda Raid 2019, iniziata l'avventura per la Panda romana del Team XXX Zero
Ostia: incendio Pineta di Castel Fusano, Acilia: in fiamme gli argini del Tevere
Ostia, le ruspe aprono la strada...ad un nuovo lungomare
Acilia Nord, un quartiere dimenticato!!!
AGR Partner

Aruba.it Business Partner


  


PC SAVE Assistenza Computer

 


testo testo


AGR Associazione giornalistica Radiotelevisiva

AGR Agenzia di Stampa - AGR Press Agency


Città Commercio La più grande rete social della PMI



 

Per la pubblicità su questo spazio contatta la redazione a questo indirizzo:   redazione@agronline.it

 

 


BIAUTO Group srl societa' di autoriparazione e officina autorizzata FIAT ALFA ROMEO e LANCIA


 

Area Riservata
Login:
Password:
Notizie
Notizie Regionali
Link Utili

intopic
Regione: Lazio    Sezione: AGR - Sport9/8/2019 3:19:00 PM

Equitazione, podio sfiorato da Luca Marziani

Grande partecipazione di pubblico allo stadio dei Marmi per il Longines Global Champions Tour di Roma



 

 

(AGR)Il campione britannico Behn Maher si riconferma ai Marmi con il suo Explosion W davanti al brasiliano Marlon Módolo Zanotelli con VDL Edgar M (0/0-39.20″) ed il tedesco Ludger Beerbaum con Cool Feeling (0/0-39.39″). Spettacolare Luca Marziani (quarto) in sella a Tokyo du Soleil (0/12-42.16″)

 In una cornice di pubblico senza precedenti il Gran Premio del Longines Global Champions Tour di Roma ha incoronato per il secondo anno consecutivo il britannico Ben Maher su Explosion W (0/0-38"76) al termine di un combattutissimo barrage. Sul podio hanno occupato la seconda e la terza posizione rispettivamente il brasiliano Marlon Módolo Zanotelli con VDL Edgar M (0/0-39"20) ed il tedesco Ludger Beerbaum con Cool Feeling (0/0-39"39). Tra i quattro binomi a contendersi il titolo anche il capitolino Luca Marziani (0/12-42"16), beniamino di casa e campione d'Italia in carica con il suo inseparabile Tokyo du Soleil, autore di una prestazione maiuscola nella prima manche.

 

LA GARA - Allo Stadio dei Marmi "Pietro Mennea", tra luci, colori e grande entusiasmo, 35 binomi hanno regalato uno spettacolo senza precedenti sul tracciato disegnato dal Course Designer Uliano Vezzani (sotto il video)

Il primo percorso privo di errori è arrivato con l’entrata in campo del brasiliano Marlon Módolo Zanotelli su VDL Edgar M, a cui risponde senza esitazioni Ben Maher che in sella a Explosion W porta a termine la prima manche senza errori. Il pubblico assiste entusiasta ai cavalieri che si succedono sul tracciato. Con l’olimpionico Ludger Beerbaum arriva il terzo binomio ad aggiudicarsi il pass per la seconda manche, ma è con l’impresa dell’aviere capo Luca Marziani e Tokyo du Soleil il pubblico va in visibilio. Una piccola pausa per riassestare il campo e lo speaker annuncia l’inizio dell’atto finale. Il verdeoro Zanotelli nel tempo di 39”20 si assicura un percorso netto che gli vale la piazza d’onore. Non smentisce le aspettative e si va a riprendere la vetta del ranking generale del Longines Global Champions Tour l’inglese Ben Maher nel tempo di 38”76, confermandosi per la seconda volta consecutiva Re di Roma.

Il cronometro si arresta a 39”39 per la leggenda del salto ostacoli tedesco Beerbaum che conquista così la terza piazza del Grand Prix e lascia il terreno di gara all'aviere capo Luca Marziani. Il campione d'Italia in carica gioca le sue carte prendendosi qualche rischio, fatale un errore sull’ostacolo 4 che compromette il jump-off del binomio che chiude con 12 penalità.

L’amarezza dell’atleta azzurro viene colmata dal sostegno del pubblico: “Entrare per ultimo era un vantaggio, anche se relativo perché dovevo rischiare il tutto per tutto. Lo sanno tutti che la qualità migliore di Tokyo non è la velocità. Dovevo rischiare il tutto per tutto, dovevo impostare bene la gara: la 1, la 2 e anche la curva 3 sono andate bene, purtroppo c’è stata quella ‘frenatina’ nella curva al 4 del barrage e la gara è finita lì. Non recrimino nulla, stavolta è andata così, la prossima volta avremo qualche posizione in più da scalare e ce la metteremo tutta. Comunque grande cavallo, grande atmosfera, un grazie particolare al pubblico che è stato stupendo e ha fatto sentire tutto il suo calore. Bellissimo partecipare qui con Tokyo du Soleil, mi sono divertito, emozionato e sono soddisfatto”.



Autore: AGR - Redazione - E. B.

RISERVATA © Copyright Agr On Line

AGR 

L'Informazione che rompe il silenzio

"Partecipa anche tu, con un piccolo contributo,

affinchè l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti"

AGR TV la Tv a portata di Click

AGRTV Live

 

 AGR

L'informazione che rompe il silenzio