Mare, sotto l'ombrellone gli italiani i più sbadati

AGR

Agenzia di Stampa


AGR Video on Line
La Caserma del Corpo Militare Volontario CRI “Luigi Pierantoni”
Abilmente Roma, Il Salone delle Idee Creative di Italian Exhibition Group SpA (IEG)
X Municipio, IEVA: Cartellonistica informativa per spiagge Plastic Free
Ostia, la sicurezza sulla Roma-Lido affidata alla video-sorveglianza
Il Tour di 'Non Fare della Tua Vita un Gioco' fa tappa in Ancona
X Municipio, in funzione il Tritovagliatore
Ostia, torna a splendere la Rotonda
Panda Raid 2019, dopo 11 anni per la prima volta un Team Italiano sul Podio
Panda Raid 2019, iniziata l'avventura per la Panda romana del Team XXX Zero
Ostia: incendio Pineta di Castel Fusano, Acilia: in fiamme gli argini del Tevere
AGR Partner

Aruba.it Business Partner


  


PC SAVE Assistenza Computer

 


testo testo


AGR Associazione giornalistica Radiotelevisiva

AGR Agenzia di Stampa - AGR Press Agency


Città Commercio La più grande rete social della PMI



 

Per la pubblicità su questo spazio contatta la redazione a questo indirizzo:   redazione@agronline.it

 

 


BIAUTO Group srl societa' di autoriparazione e officina autorizzata FIAT ALFA ROMEO e LANCIA


 

Area Riservata
Login:
Password:
Notizie
Notizie Regionali
Link Utili

intopic
Regione: Nazionali    Sezione: AGR - Cronaca8/10/2019 8:59:00 PM

Mare, sotto l'ombrellone gli italiani i più sbadati

Occhiali, crema solare e ciabatte sono i primi tre oggetti che i clienti dimenticano sotto l’ombrellone. Meno plastica sulle spiagge



 

 

 

 

 

(AGR) “Occhiali da sole o da vista, crema solare e ciabatte sono i primi tre oggetti che i clienti dimenticano sotto l’ombrellone – afferma Antonio Capacchione, Presidente del S.I.B. Sindacato Italiano Balneari aderente a FIPE/Confcommercio, seguono costume da bagno, asciugamano, giochi dei bambini, chiavi di casa o dell’auto e cuffiette, ma anche alcuni oggetti di valore come orologi, collane, anelli o braccialetti, portafogli, cellulari, tablet e videogiochi.

A fine giornata sul lettino e nella sabbia spesso si ritrovano pacchetti di sigarette, accendini, quotidiani, riviste o libri, che nessuno verrà mai a reclamare, tanto che finiscono direttamente nella spazzatura. Tutti gli altri oggetti la maggior parte delle volte trovano spazio in alcuni ripostigli della direzione dello stabilimento in attesa del legittimo proprietario. Restituiamo oltre il 95% degli articoli dimenticati dai nostri clienti abituali entro il giorno successivo, ma solo il 50% di quelli lasciati dai giornalieri.“I turisti italiani sono quelli più distratti, specialmente se single o anziani - continua Capacchione - gli stranieri sono molto attenti non solo agli oggetti personali ma, soprattutto, a non lasciare proprio nulla in spiaggia e a fare la raccolta differenziata in maniera corretta”.

La plastica è il materiale che abbiamo trovato in percentuale minore tra i rifiuti, rispetto allo scorso anno: conseguenza, forse, delle campagne ‘plastic free’ oppure di un maggiore sensibilità ambientale da parte dei turisti.

Stimiamo che ogni stabilimento balneare debba fare i conti con centinaia di oggetti, beni dal valore di pochi centesimi fino a diverse centinaia di euro, ma, spesso, l’affettivo supera di gran lunga quello reale. Se da una parte cerchiamo di rintracciare sempre i proprietari, a fine stagione quelli non reclamati vengono consegnati alle Forze dell’Ordine, (se hanno un valore), oppure alle Onlus che si occupano di volontariato.



Autore: AGR - Redazione - E. B.

RISERVATA © Copyright Agr On Line

AGR 

L'Informazione che rompe il silenzio

"Partecipa anche tu, con un piccolo contributo,

affinchè l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti"

AGR TV la Tv a portata di Click

AGRTV Live

 

 AGR

L'informazione che rompe il silenzio