Civitavecchia, blitz di Goletta Verde

AGR

Agenzia di Stampa


AGR Video on Line
X Municipio, IEVA: Cartellonistica informativa per spiagge Plastic Free
Ostia, la sicurezza sulla Roma-Lido affidata alla video-sorveglianza
Il Tour di 'Non Fare della Tua Vita un Gioco' fa tappa in Ancona
X Municipio, in funzione il Tritovagliatore
Ostia, torna a splendere la Rotonda
Panda Raid 2019, dopo 11 anni per la prima volta un Team Italiano sul Podio
Panda Raid 2019, iniziata l'avventura per la Panda romana del Team XXX Zero
Ostia: incendio Pineta di Castel Fusano, Acilia: in fiamme gli argini del Tevere
Ostia, le ruspe aprono la strada...ad un nuovo lungomare
Acilia Nord, un quartiere dimenticato!!!
AGR Partner

Aruba.it Business Partner


  


PC SAVE Assistenza Computer

 


testo testo


AGR Associazione giornalistica Radiotelevisiva

AGR Agenzia di Stampa - AGR Press Agency


Città Commercio La più grande rete social della PMI



 

Per la pubblicità su questo spazio contatta la redazione a questo indirizzo:   redazione@agronline.it

 

 


BIAUTO Group srl societa' di autoriparazione e officina autorizzata FIAT ALFA ROMEO e LANCIA


 

Area Riservata
Login:
Password:
Notizie
Notizie Regionali
Link Utili

intopic
Regione: Lazio    Sezione: AGR - Ambiente - Territorio8/10/2019 8:54:00 PM

Civitavecchia, blitz di Goletta Verde

Legambiente: dichiariamo la centrale di Civitavecchia nemico del clima..... Chiediamo che sia spenta al più presto.



 

 

 

(AGR)Nel Lazio sono pari a 11,5 milioni di tonnellate le emissioni della produzione energetica da fonti fossili, il 78,5% provenienti dalla ciminiera di Civitavecchia“Per ridurre le emissioni climalteranti e tener fede agli impegni presi con l’Accordo di Parigi – commenta Davide Sabbadin, portavoce di Goletta Verde – è necessario che l’Italia faccia scelte ambiziose per contribuire a contenere l’aumento della temperatura media globale al di sotto di 1,5°C rispetto all’era preindustriale. Quello di cui abbiamo bisogno è un Piano nazionale energia e clima che renda davvero possibile l’uscita dal carbone a partire dai territori più vulnerabili. È il caso della centrale a carbone di Civitavecchia dove occorre guardare con coraggio e lungimiranza alle nuove soluzioni tecnologiche fatte da mix di fonti rinnovabili e accumulo, come sta avvenendo in altre parti del mondo, per dare risposte concrete non solo alla decarbonizzazione, alla qualità della vita e alla creazione di nuovi posti di lavoro, duraturi e in grado di coinvolgere le generazioni future, ma anche alle esigenze di flessibilità e sicurezza della rete”.

Le fonti rinnovabili, l’innovazione tecnologica e l’efficienza energetica vanno in questa direzione e rappresentano la via di uscita alla crisi climatica sempre più evidente e concreta, come riporta lo stesso Rapporto dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change).

Nel Lazio, secondo il registro europeo delle emissioni E-PRTR, degli 11.409.000 di tonnellate di CO2 derivanti dai 9 impianti che producono energia da fonti fossili, 9.750.000 tonnellate provengono dalla Centrale Torrevaldaliga Nord di Civitavecchia che, nel 2017, ha immesso in atmosfera il 78,5% delle emissioni complessive laziali da produzione energetica, l’11,2% del totale nazionale.

“Oggi dalla Goletta Verde dichiariamo la centrale di Civitavecchia NEMICO DEL CLIMA e chiediamo un impegno definitivo non solo a spegnerla entro il 2025, come già annunciato, ma anche ad accelerare i tempi il più possibile -dichiara Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio - Lo spegnimento della centrale ci libererà dalla gran parte delle emissioni climalteranti e inquinanti nel Lazio, provenienti dalla produzione elettrica. Deve essere priorità assoluta del gestore, della Regione e del Governo nazionale che avrà a disposizione ingenti fondi comunitari per la riqualificazione delle aree come Civitavecchia. Da un lato, bisogna intercettare queste somme per riqualificare la zona, dall’altro pianificare al meglio il suo futuro, e per fare in modo che ciò avvenga chiediamo alla Regione Lazio di portare ad approvazione definitiva il piano energetico che è sempre più indispensabile. La centrale a carbone ha una tecnologia antica, inquinante, climalterante e devastante per chilometri di territorio. Al suo posto sarebbe completamente sbagliata la conversione in centrale a gas che vincolerebbe all’uso di fonti fossili per altri lustri: su quel luogo può sorgere un grande polo delle fonti rinnovabili, costituito da torri eoliche e fotovoltaico a terra nell’area industriale, un polo energetico green che abbia adeguata capacità di accumulo per sostenere la dorsale elettrica nazionale. Questo è ciò che ci auguriamo che avvenga e ed è l’idea di riconversione migliore che si possa oggi auspicare”.



Autore: AGR - Redazione - E. B.

RISERVATA © Copyright Agr On Line

AGR 

L'Informazione che rompe il silenzio

"Partecipa anche tu, con un piccolo contributo,

affinchè l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti"

AGR TV la Tv a portata di Click

AGRTV Live

 

 AGR

L'informazione che rompe il silenzio