Earth hour, il 30 marzo il mondo si ferma per il clima

AGR Donate 

AGR

Agenzia di Stampa


AGR Video on Line
X Municipio, in funzione il Tritovagliatore
Ostia, torna a splendere la Rotonda
Panda Raid 2019, dopo 11 anni per la prima volta un Team Italiano sul Podio
Panda Raid 2019, iniziata l'avventura per la Panda romana del Team XXX Zero
Ostia: incendio Pineta di Castel Fusano, Acilia: in fiamme gli argini del Tevere
Ostia, le ruspe aprono la strada...ad un nuovo lungomare
Acilia Nord, un quartiere dimenticato!!!
Acilia Nord, i cittadini denunciano lo stato di abbandono del quartiere
Municipio X rivoluzione in arrivo nella raccolta differenziata
Panda Raid 2018 - Da Madrid a Marrakkech con una vecchia Panda del Nonno
AGR Partner

Aruba.it Business Partner

  

testo testo

AGR Associazione giornalistica Radiotelevisiva

Città Commercio La più grande rete social della PMI



 

Per la pubblicità su questo spazio contatta la redazione a questo indirizzo:   redazione@agronline.it

 

BIAUTO Group srl societa' di autoriparazione e officina autorizzata FIAT ALFA ROMEO e LANCIA

Area Riservata
Login:
Password:
Notizie
Notizie Regionali
Link Utili

intopic
Regione: Nel Mondo    Sezione: AGR - Ambiente - Territorio3/29/2019 5:35:00 PM

Earth hour, il 30 marzo il mondo si ferma per il clima

WWF: il riscaldamento globale rischia di farci tornare indietro di migliaia di anni. Domani l'impegno in difesa della Terra



 

 

 

 

(AGR)Sabato 30 marzo alle 20,30 , in tutto il mondo tantissimi luoghi, dai monumenti più famosi alle abitazioni di privati cittadini, spegneranno le luci e centinaia di milioni di persone parteciperanno alla grande ola di spegnimenti di Earth Hour, l’Ora della Terra, la più grande mobilitazione planetaria sul tema dei di cambiamenti climatici.

VERSO “HOTHOUSE” EARTH . Mentre i dati sul cambiamento climatico in atto continuano ad aggravarsi diventa totalmente insostenibile la mancata reazione per decarbonizzare con urgenza le nostre economie. La concentrazione di anidride carbonica nell’atmosfera è arrivata nel 2018 a 408 ppm (parti per milione di volume), in molte giornate di questi primi mesi del 2019 sono giunte o hanno persino sorpassato le 410 ppm (nel 1750 all’inizio della Rivoluzione Industriale era di 277 ppm), il 2018 è stato il quarto anno più caldo a livello globale (da quando esistono le registrazioni scientificamente attendibili dal 1880) e le emissioni totali di anidride carbonica hanno continuato a crescere raggiungendo più di 41 miliardi di tonnellate.

Se non cambiamo rotta alle nostre economie e ai nostri stili di vita potremo raggiungere lo stato dell’“Hothouse Earth” come è stata definita da autorevoli scienziati.

Dall’analisi dei paleoclimi, (ossia tutte le conoscenze sin qui raccolte sui climi dei periodi geologici del passato) emerge che i dati climatici attuali, proseguendo nell’inazione,  potrebbero condurre, ad una  situazione complessiva della nostra Terra simile a quella verificatasi verso la metà del periodo del Miocene, risalente a 15-17 milioni di anni fa, quando la concentrazione di CO2 nell’atmosfera arrivavano persino a valori superiori alle 400 ppm raggiungendo le 500 ppm, le temperature medie della superficie terrestre erano superiori di 4°C - 5°C rispetto a quelle che si sono registrate nel nostro periodo preindustriale e il livello dei mari era superiore di 10-60 metri rispetto alla situazione attuale: ma il fatto più rilevante su cui riflettere è che sulla superficie della Terra, in quel periodo, non vi era nessuna forma di Ominide che si aggirasse tra gli ambienti del pianeta di allora.

 

“Come mai prima d’ora la natura si trova in un momento di drammatico declino. Dai dati dell’Unep dal 1970 a oggi il consumo di risorse naturali è più che triplicato, mentre gli effetti dei cambiamenti climatici sono sotto gli occhi di tutti: gli ultimi quattro anni sono stati i quattro anni più caldi mai registrati (WMO). È sempre più urgente un’azione globale di conservazione del capitale naturale che non può prescindere da un cambiamento culturale dei nostri stili di vita, dei nostri sistemi produttivi e dei nostri modelli di consumi”. Dichiara, la presidente del WWF Italia Donatella Bianchi che aggiunge: “Per questa ragione abbiamo scelto Matera, capitale europea della cultura, per il nostro evento centrale. Nella lotta ai cambiamenti climatici molto spesso i cittadini sono più avanti dei governi che continuano a rinviare azioni che sono quanto mai urgenti: quello che fa ben sperare, però, è la mobilitazione dei giovani che in tutto il mondo, a milioni, stanno chiedendo agli adulti di oggi di non rubare loro il futuro”.



Autore: AGR: EB - Redazione

RISERVATA © Copyright Agr On Line

AGR 

L'Informazione che rompe il silenzio

"Partecipa anche tu, con un piccolo contributo,

affinchè l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti"

AGR TV la Tv a portata di Click

AGRTV Live

 

 AGR

L'informazione che rompe il silenzio