AGR on Line

Agenzia di Stampa


AGR Video on Line
Forza Italia, Davide Bordoni: ecco la squadra
Regione Lazio – Respinta la mozione di legittimità costituzione del decreto Lorenzin sui Vaccini
Ostia, i cittadini si mobilitano per la rinascita di Castelfusano
Comune di Pomezia - Incendio Eco X, arrivano le analisi di Arpa Lazio
Ostia, inizia la corsa alla Presidenza del X Municipio
IX Municipio, Forza Italia accelera e presenta la squadra
Incendio alla 'Eco X' di Pomezia
Acilia, crolla una palazzina di due piani
Abilmente Roma: arriva Miss Cake e l'arte incontra la dolcezza
Meryl Streep alla Festa del Cinema di Roma
AGR Partner

  

testo testo

AGR Associazione giornalistica Radiotelevisiva

Città Commercio La più grande rete social della PMI

Per la pubblicità su questo spazio contatta la redazione a questo indirizzo:   redazione@agronline.it

 

BIAUTO Group srl societa' di autoriparazione e officina autorizzata FIAT ALFA ROMEO e LANCIA

Area Riservata
Login:
Password:
Notizie
Notizie Regionali
Link Utili

 

 

Regione: Lazio    Sezione: Ambiente - Territorio10/08/2017 15.41.00

Litorale romano, Consorzi di bonifica verso l'integrazione

Confronto tra i vertici di ANBI e la Coldiretti sullo stato di avanzamento del riordino degli Enti. Data prevista entro il 31 ottobre



(AGR) “Entro la fine di ottobre definiremo il processo di integrazione dei consorzi”. Con questo impegno i commissari straordinari delle bonifiche del Lazio hanno chiuso i lavori del vertice tra Anbi e Coldiretti sullo stato di avanzamento del riordino degli enti che da 10 diventeranno 4 (uno dalla fusione di Bonifica Reatina e Val di Paglia, uno in provincia di Frosinone al posto degli attuali tre, uno a Latina dalla fusione di Agro Pontino e Sud Pontino, uno unico dall’accorpamento di Tevere-Agro Romano, Pratica di Mare, Maremma Etrusca). “Dobbiamo passare dalla gestione delle emergenze alla politica della programmazione. La siccità non è più ciclica, ma fenomeno strutturale. Ciò significa – ha detto David Granieri, presidente della Coldiretti del Lazio – che i consorzi devono diventare presidi di protezione civile per assistere, in caso di calamità naturali, anche le popolazioni, oltre a gestire il territorio e salvaguardare gli allevamenti zootecnici e le produzioni agricole”.

La fase di riorganizzazione delle bonifiche presenta una complessità elevata anche a causa delle situazioni debitorie, alcune drammatiche, ereditate dai commissari al loro insediamento. “Difficoltà che non hanno compromesso gli obiettivi della riforma. Abbiamo di fatto già avviato il processo di integrazione – ha spiegato Selmi, presidente di Anbi Lazio – con la trasparenza delle gare d’appalto, la rotazione dei fornitori e l’aggiornamento degli albi professionali, operazioni che ci hanno già consentito di risparmiare somme importanti che investiremo per ammodernare gli impianti idraulici e la rete irrigua. Abbiamo anche avviato l’unificazione delle contabilità e del catasto”. Anbi Lazio è pronta al varo del piano straordinario irriguo per la prossima stagione.

“La rotta tracciata dalla Regione Lazio, che è tornata ad investire sulle bonifiche mettendo sul piatto 100 milioni di euro, è il potenziamento dei servizi collettivi. No alle perforazioni selvagge dei terreni – ha detto il direttore di Anbi Lazio, Natalino Corbo – perchè sarebbe condannare a morte l’agricoltura. Saremo noi, semmai, a scavare nuovi pozzi per aumentare la disponibilità di risorsa idrica”. A sollecitare l’accelerazione del processo di fusione è stato Aldo Mattia, direttore della Coldiretti del Lazio. “È vero che i commissari si sono insediati solo sei mesi fa, ma la riforma oggi compie un anno. In autunno i consorzi – ha detto Mattia – dovranno avere la loro fisionomia definitiva. Il nuovo sistema delle bonifiche deve vincere, già la prossima estate, la sfida della ritrovata competitività. Un’altra annata in perdita e addio sistema agricolo laziale, con la chiusura di centinaia di aziende, la perdita di migliaia di posti di lavoro, l’abbandono delle campagne e il mancato presidio di interi territori che verrebbero lasciati all’incuria e al degrado”.

 



Autore: AGR: EB - Redazione

RISERVATA © Copyright Agr On Line

AGR TV
La TV a Portata di Click