AGR on Line

Agenzia di Stampa


AGR Video on Line
Comune di Pomezia - Incendio Eco X, arrivano le analisi di Arpa Lazio
Ostia, inizia la corsa alla Presidenza del X Municipio
IX Municipio, Forza Italia accelera e presenta la squadra
Incendio alla 'Eco X' di Pomezia
Acilia, crolla una palazzina di due piani
Abilmente Roma: arriva Miss Cake e l'arte incontra la dolcezza
Meryl Streep alla Festa del Cinema di Roma
La sfida di Mauro, tra voragini stradali e marciapiedi dissestati
Festival del cinema di Roma Arriva Michael Bublè
Terremoto Centro Italia: secondo Spazio a misura di bambino ad Accumoli
AGR Partner

  

testo testo

AGR Associazione giornalistica Radiotelevisiva

Città Commercio La più grande rete social della PMI

Per la pubblicità su questo spazio contatta la redazione a questo indirizzo:   redazione@agronline.it

 

BIAUTO Group srl societa' di autoriparazione e officina autorizzata FIAT ALFA ROMEO e LANCIA

Area Riservata
Login:
Password:
Notizie
Notizie Regionali
Regione: Nel Mondo    Sezione: AGR - Sanità29/03/2017 13.02.00

Aborto, monito dell'ONU all'Italia

Troppi obiettori di coscienza tra i medici, inadempienza degli obblighi dei diritti umani in relazione all'accesso alel interruzioni di gravidanza



(AGR) Il Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite ha espresso preoccupazione per le difficoltà che le donne devono affrontare per accedere all’ interruzione volontaria di gravidanza a causa dell'elevato numero di medici obiettori che si rifiutano in tutto il paese di effettuare il servizio. Le Nazioni Unite hanno esaminano il 9 e 10 marzo 2017 il rispetto dei diritti umani in Italia e concluso che l’elevato numero e la modalità di distribuzione dei medici che rifiutano di prestare il servizio in tutto il paese sia fonte di violazione dei diritti umani.

Le Nazioni Unite hanno richiesto al governo italiano di adottare le misure necessarie, non solo per eliminare tutti gli impedimenti, ma anche per garantire il tempestivo accesso ai servizi di interruzione volontaria di gravidanza su tutto il territorio per tutte le donne che ne fanno richiesta. Tra le misure necessarie viene richiesto al governo italiano la creazione di un sistema efficaci di riferimento delle pazienti.  "Quindi, spiega Irene Donadio di IPPF EN si richiede di stabilire protocolli e linee guida per garantire che gli ospedali che non forniscono il servizio si assicurino attivamente che le pazienti ottengano il servizio in altre strutture sanitarie. Quello di oggi é un riconoscimento importante per le donne in Italia". IPPF EN, LAIGA, Vita di Donna e The Center for Reproductive Rights hanno presentato una Relazione alle Nazioni Unite illustrando l’inadempienza degli obblighi dell’Italia del rispetto dei diritti umani in relazione all’accesso all’interruzione volontaria di gravidanza.

Silvana Agatone, presidentessa della LAIGA, forte dell‘ esperienza in prima linea della LAIGA negli ospedali esulta: « Se il governo seguirà le raccomandazioni di oggi come e’ tenuto a fare, le donne avranno finalmente garantito anche negli ospeali che non forniscono il servizio, una percorso documentato in altra struttura in poco tempo. Sarebbe un grande un passo avanti! »

Irene Donadio da IPPF, la piu’ grande federazione mondiale sulla salute sessuale e riproduttiva aggiunge « Per molto tempo, troppe donne in Italia sono state maltrattate quando hanno richiesto la prestazione di un servizio garantito dalla legge. Dopo il Consiglio d’Europa anche le Nazione Unite esigono il rispetto dei diritti e della dignità della donna. E’ ora che Il governo italiano prenda i provvedimenti adeguati ».

Katrine Thomasen, Senior Legal Advisor for Europe del Center for Reproductive Rights, famosa agenzia di giuristi specializzata nella lotta per I diritti riproduttivi a livello mondiale e’ felice del lavoro svolto dal Comitato: « Le donne in Italia devono affrontare gravi rischi per la loro salute e il loro benessere a causa dell fallimento dello stato italiano nel garantire l'accesso ai servizi di qualità di salute riproduttiva. Oggi il Comitato per i Diritti Umani ha chiarito che il governo italiano non può ignorare i suoi obblighi per i diritti umani e deve garantire l'accesso delle donne ai servizi di aborto legale. E 'ora che il governo dia priorità alla salute delle donne e lavori rapidamente per prendere provvedimenti che assicurino alle donne un accesso tempestivo alla gamma completa di servizi di salute riproduttiva, tra cui l'aborto legale “.


 



Autore: AGR: EB - Redazione

RISERVATA © Copyright Agr On Line

AGR TV
La TV a Portata di Click